.

Blog fondato da Guglielmo Campione www.guglielmocampione.it

La mente può trovarsi in stati diversi , il sonno ,il sogno, la trance,l'ipnosi,l'attenzione fluttuante,
l'estasi,la preghiera,la meditazione,la creatività artistica e scientifica,
l'esplorazione dello spazio e degli abissi marini,l'agonismo sportivo.

Stati della mente pubblica lavori originali o già pubblicati con il consenso degli autori, interviste e recensioni di libri e promuove eventi culturali e scientifici.

Kairòs e Cronos - Sul giusto Tempo di Guglielmo Campione







Il direttore d'orchestra Antonello Allemandi mi confidava tempo fa :

"Quando un musicista sta per "fare musica" esiste un radunare la concentrazione e quel silenzio subito prima e' ricco di tutte le possibilita' che poco dopo si manifesteranno in suono.
Credo che sia veramente un qualcosa di speciale quello che accade.
Un musicista lo sa : non puo' cominciare un attimo prima perche' e' troppo presto e , se passa la magia del momento diventa troppo tardi , da qui l'importanza di sentire(to feel) quando.....





Questo è il Kairos (καιρός).

Nell'antica Grecia significava  "momento giusto o opportuno" o "tempo di Dio".

 Gli antichi greci avevano due parole per il tempo, chronos e kairos.

 Chronos si riferisce al tempo logico e sequenziale la seconda significa " un tempo nel mezzo", un momento di un periodo di tempo indeterminato nel quale "qualcosa" di speciale accade.

 Kairos era il dio del "momento passeggero", di "un'opportunità favorevole che opponeva il fato all'uomo".

 Il momento deve essere afferrato (dal ciuffo di capelli sulla fronte della figura fuggente); altrimenti il momento è andato e non può essere ri-catturato .








Nel celebre Epigramma di Posidippo  si legge infatti :

"E chi sei tu?
Il Tempo che controlla tutte le cose.
 Perché ti mantieni sulla punta dei piedi?
Io non corro mai.
 E perché hai un paio di ali sui tuoi piedi?
Io volo con il vento.
 E perché hai un rasoio nella mano destra?
Come segno per gli uomini che sono più pungente di qualsiasi bordo pungente.
 E perché hai  dei capelli davanti al viso?
Per colui che mi incontra per prendermi per il ciuffo.
 E perché, in nome del cielo, hai la parte posteriore della testa calva?
 Perché nessuno che una volta ha corso sui miei piedi alati lo faccia ora, benché si auguri che accada, mi afferra da dietro.








 Un 'altra celebre citazione sapienziale sul Tempo proviene dal Libro di Quelet – Ecclesiaste cap. 3 :

"Per tutto v'è il suo tempo, v'è il suo momento per ogni cosa sotto il cielo:
 un tempo per nascere e un tempo per morire;
un tempo per piantare e un tempo per svellere ciò ch'è piantato;
 un tempo per uccidere e un tempo per guarire;
un tempo per demolire e un tempo per costruire;
un tempo per piangere e un tempo per ridere;
un tempo per far cordoglio e un tempo per ballare;
un tempo per gettar via pietre e un tempo per raccoglierle;
un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracciamenti;
un tempo per cercare e un tempo per perdere;
un tempo per conservare e un tempo per buttar via;
 un tempo per strappare e un tempo per cucire;
un tempo per tacere e un tempo per parlare;
un tempo per amare e un tempo per odiare;
 un tempo per la guerra e un tempo per la pace.