.

Blog fondato da Guglielmo Campione www.guglielmocampione.it

La mente può trovarsi in stati diversi , il sonno ,il sogno, la trance,l'ipnosi,l'attenzione fluttuante,
l'estasi,la preghiera,la meditazione,la creatività artistica e scientifica,
l'esplorazione dello spazio e degli abissi marini,l'agonismo sportivo.

Stati della mente pubblica lavori originali o già pubblicati con il consenso degli autori, interviste e recensioni di libri e promuove eventi culturali e scientifici.

I Gruppi nell'era dei conflitti.di F.Tagliagambe

"La tragedia delle democrazie moderne è che non sono riuscite a


realizzare la democrazia"

(Jacques Maritain, Cristianesimo e democrazia)



Prendo spunto da questa celebre affermazione di Jacques Maritain per

trasporla nell'ambito di quella "democrazia degli

affetti" che richiede la capacità di sostare e sostenere

l'area conflittuale per integrare i diversi codici affettivi,

ciascuno in lotta per l'affermazione dell'ideale dell'Io

che lo sottende, ma tutti, al contempo necessari, per lo sviluppo

genitale della persona.

La lotta politica ha quindi il suo corrispettivo nel mondo interno

dell'individuo e ne rappresenta una sua esternazione nella

'polis'.

L'area del conflitto quindi, nella sua trasversalità tra

intrapsichico e interpersonale, contiene in sé le premesse

indispensabili per quel processo dinamico che coinvolge tutte le forze

in campo, in un esito che risulta essere imprescindibile e decisivo

per il benessere o malessere individuale e sociale.

In un'epoca attuale che enfatizza l'individualismo e la

competizione sono sempre più diffuse le manifestazioni di un disagio

nell'area del narcisismo, della dipendenza e della distanza.

Le patologie del come se e del falso sé, le diverse forme di

tossicodipendenza, le depressioni e i disturbi alimentari ed anche gli

attacchi di panico si presentano nella loro accezione di malesseri di

un sé che si nasconde e si isola nei suoi inconfessabili vissuti di

inadeguatezza e di vergogna.

Il piccolo gruppo terapeutico consente la formazione di uno spazio

psichico del noi in un processo dinamico che consente di fare emergere

l'influenza dell'ambiente persino nella soggettività

dell'inconscio ed i conflitti che essa provoca. L'elaborazione

di questa conflittualità, di cui il gruppo terapeutico è cassa di

risonanza offre nuove opportunità di modelli relazionali, che

contengono la possibilità di condividere, la mediazione, la relazione

tra distinti e l'amore.