.

Blog fondato da Guglielmo Campione www.guglielmocampione.it

La mente può trovarsi in stati diversi , il sonno ,il sogno, la trance,l'ipnosi,l'attenzione fluttuante,
l'estasi,la preghiera,la meditazione,la creatività artistica e scientifica,
l'esplorazione dello spazio e degli abissi marini,l'agonismo sportivo.

Stati della mente pubblica lavori originali o già pubblicati con il consenso degli autori, interviste e recensioni di libri e promuove eventi culturali e scientifici.

ANALISI DI GRUPPO E APPRENDIMENTO di CLAUDIO CRIALESI







Introduzione

Possiamo considerare l’esperienza analitica di gruppo un modo per prendersi cura della sofferenza soggettiva tramite degli apprendimenti.
Le trasformazioni utilizzano l’osservazione e l’interazione. Sono guidate dal desiderio e mirano ad ampliare la consapevolezza.
Nella reciprocità dei partecipanti troviamo la circolazione paritetica di competenze conoscitive. Nell’a-simmetria (il setting e l’analista) abbiamo il confronto con la dipendenza, i vincoli e l’autorità promotrice; aspetti che riproducono le origini dei transfert.
Nell’incontrarsi ognuno per l’altro rende praticabili delle esperienze. Dalla propagazione rapida di atmosfere irriflessive (Bion 1961), all’empatia, alla condivisione con differenziazione dei vissuti. Dal dialogo e pensiero pre-conscio (analogico) al pensare lineare (razionale) orientato alla verifica e scelta delle opzioni (F. Corrao). Tanto più un gruppo è capace di transitare da una posizione all’altra, tanto più acquisisce mobilità affettiva e i suoi membri hanno imparato a percepire, tollerare e conoscere desideri, idee, sentimenti.

L’alternarsi di sintonia/riconoscimento e momenti nei quali viene “disturbato” lo stile personale di essere nel gruppo allena a muoversi tra ristoro narcisistico e relazione oggettuale.

Restano diverse incognite: i fenomeni extra-analitici. Tessuto dell’esperienza di gruppo eppure non descrivibili, in dettaglio, per l’impatto sul processo analitico.

Poter apprendere presuppone: tollerare il dolore mentale; ricavare un piacere da conoscenza ed esplorazione; capacità riflessiva; fiducia e sicurezza in se stessi.

Ostacoli all’apprendimento sono: specifiche disabilità; intolleranza verso frustrazioni, senso di vuoto e incompletezza; prevalere di un pensiero irrealistico (fantasia di eliminare problemi e non affrontarli sino all’odio per la realtà); competizione; invidia; idealizzazioni abnormi (quando eccessive e pervasive).

LA SEDUTA DI GRUPPO "LIVE"


Per rendere visibile la trasformazione di senso  che puo verificarsi nelle terapie psicoanalitiche di gruppo presento una porzione di seduta in cui risalta particolarmente la qualità polifonica del lavoro di gruppo .

“Adesso mi è venuta la fissazione, sono tornato a sciare, che bello, non è facile trovare le persone, sono andato con tre amici, abbiamo sciato tutto il giorno
E’ bello sciare anche a mio marito piace, anche a me, però dopo l’incidente dello scorso anno, vi ricordate, ho preferito quest’anno stare a riposo, la scorsa settimana mio marito è andato a sciare con un amico pensavo fossi tu…
E’ bello andare in montagna, mi piacerebbe andare dove fanno il campionato del mondo, c’ero stato con la mia ex, anche se chissà tornare lì
Io ricordo il Cervino, prendi la cabinovia sei su e trovi una striscia gialla, è il confine, sei in Svizzera
Scusate io… anche se forse rovino l’atmosfera, volevo parlare di una cosa che mi sta a cuore, ho avuto una specie di attacco di panico, non vorrei che riprendessero uno l’ho avuto a Dicembre, l’attacco di panico ha dei fattori scatenanti, io non prendo più farmaci e non voglio riprenderli… la mia fidanzata mi ha mandato un messaggio adesso non riferisco tutto… alla fine c’era scritto ti amo, lo aveva detto altre volte, ma scritto mai, una volta parlavamo, lei sa che vengo qui, mi aveva chiesto se parlavo di lei in gruppo, come se volesse dire che non le voglio bene se non parlo di lei qui, io invece ci penso a lei mi manca, poi insisteva mi è venuta paura di non amarla, mi sono sentito male, io ci tengo a lei, ma lei mi stressa; prima non uscivo di casa, solo il lavoro e il computer, non sono abituato a stare in due
Bisognerebbe sapere cosa significa amore
(Tutti si voltano verso l’analista come uno stormo di uccelli in volo)
Già ma come possiamo parlare d’amore? Prendiamo un vocabolario? Sembra ci sia un coinvolgimento che fa paura
Per me non esiste la definizione di amore, è una sensazione, mi ricordo Luisa eravamo a casa mia, abbiamo fatto l’amore e lei mi ha detto ti amo, io mi sono sentito… mi sono irrigidito, lo senti se l’altro lo dice veramente
Siamo sempre lì è come una ruota, avevamo già parlato dell’amore che può far paura
Cosa si può pensare di quello che sembra già detto…
Meglio stare fermi, sarà che io ho avuto una sola esperienza, la fidanzata che poi è diventata mia moglie
E’ da un po’ che una mia collega mi stuzzica, ci prendiamo in giro
Com’è la collega?
E’ molto bella però siamo così diversi, l’altro giorno mi prende sotto-braccio e mi fa e non ti irrigidire, ecco in quei momenti vorrei essere più forte
Io quando sto insieme a una donna mi sento onnipotente e poi penso alle altre
Ecco questa potrebbe essere la tua definizione di amore, dal tuo punto di vista "




CONSIDERAZIONI TEORICHE E CLINICHE
           
         Ancora non so se l’individuo nel gruppo parli sempre e comunque per il collettivo, è certo però che generi un problema: cosa fare del suo discorso.

F. Corrao (1981c, 1995b) ha indicato come il pensiero multiplo e discontinuo del gruppo e la delega regressiva di parti di sé costituiscano il presupposto di esperienze trasformative. Ogni persona è per l’altro un “oggetto” (in senso percettivo, cognitivo e psicoanalitico) e parimenti “soggetto”. R. Kaes (1993) indica come più soggetti si incontrino e congiungano, in modo imprevedibile, le loro strutture mentali (Es, Io, Super-Io). Ciò che risulta inconscio in una persona può o potrebbe essere il pre-conscio o la consapevolezza di un altro. Le funzioni di comprensione e interpretazione sono distribuite e scambiate tra i membri del gruppo e alimentano un dinamismo non lineare in grado di generare mutamenti nel sistema e nelle sue componenti. Il primato di ciò che appare: persone concrete in interazione. Quanto mostrato nel frammento di seduta iniziale.
La cura nel gruppo analitico può essere considerata l’aspirazione a modificare il malessere soggettivo o condotte dis-funzionali e la si può correlare a percorsi d’apprendimento. Tale termine, in psicologia generale, indica: una modificazione duratura e stabile delle condotte a seguito di un’esperienza (Anolli & Legrenzi 2006). Possiamo pensare alle inibizioni o reazioni irriflessive o ai comportamenti ripetitivi dei pazienti. Lo studioso del pensiero Johnson-Laird (1993) ha precisato che per apprendimento si debba intendere anche: imparare a pensare a qualcosa in modo diverso o trattare cose diverse come parti di una stessa categoria. Nel lessico algido del cognitivismo cogliamo echi familiari. Quando parliamo di “spazio mentale”, di capacità a convivere con ambivalenze e conflitti. Quando evochiamo la ricostruzione narrativa della propria storia e la comprensione di desideri, angosce e modelli relazionali.
Si possono distinguere tre forme d’apprendimento (Anolli & Legrenzi 2006): associativo (consolidamento di legami tra eventi prima non collegati); cognitivo (costruzione di modelli mentali; insight; ricerca attiva di conoscenze); sociale (imprinting, osservazione, interazione).
Il gruppo analitico può essere considerato un dispositivo che attraverso l’interazione cerca  soluzioni ai problemi vitali di ogni partecipante. In questo ambiente l’apprendimento non è appropriazione di procedure o memorizzazione d’istruzioni, ma immersione in un frammento di vita. Ogni seduta si presenta come enigmatica; nessuno può sottrarsi alle afferenze, neanche il proprio o altrui silenzio mette al riparo dal sentire. La dotazione biologica ci costringe a percepire l’ambiente esterno e interno, poco importa esserne saltuariamente consapevoli. Nel tempo gli incontri di gruppo diventeranno un luogo riconosciuto, isomorfo alle modalità con cui ognuno avvicina se stesso e gli altri, nel succedersi delle sedute si sperimenterà anche l’imprevedibile. Essere presente al gruppo (dato fenomenico), sentirsene membro e impegnarsi nel dialogo (dato psicologico) delimita un sistema nel quale ognuno per l’altro sarà osservatore e partecipante. Tale decentramento, sottolineato da più studiosi (Corrao, Kaes, Rouchy) è l’agente di possibili modificazioni .
Il riferimento alla psicologia generale ha un limite: suggerisce “come” possano avvenire degli apprendimenti. Ma cosa li sostiene? Il desiderio. Le persone cercano un cambiamento e nella domanda rivolta prima al professionista e poi al gruppo confermano una speranza. Con la capacità di far posto all’estraneo, allo sconosciuto compagno di viaggio, si potrà con fatica o inaspettata leggerezza, de-costruire idee e convinzioni cristallizzate. Il desiderio, la motivazione soggettiva, rimanda alla responsabilità. Il desiderio incontra ciò che vi resiste (il setting, gli altri) e si dovranno operare scelte e negoziare nuovi equilibri con l’estraneo interiore.
Non potendo ricorrere a procedure o all’iterazione d’esperienze precedenti si dovrà scoprire, passo dopo passo, come affrontare i problemi emotivi e conoscitivi. Tale esperienza implica un rischio: convivere con l’incertezza del divenire e del molteplice. Viene sollecitata la “creatività”, dover ristrutturare i termini di un problema per trovare nuove risposte. Si ricorre all’esplorazione e alla curiosità per attingere al pre-conscio e utilizzare le intuizioni (F. Corrao, R. Kaes).
La psicologia accademica descrive dei meccanismi, ma non definisce cosa si voglia o debba apprendere. L’atteggiamento analitico implica una scelta preliminare: ogni evento sarà considerato testimone (simbolo) di configurazioni inconsce diventate o rese mute (attraverso i meccanismi detti difensivi). Il collettivo dovrebbe avvicinare gli scenari inconsapevoli: è questo lo “sconosciuto” al quale dare asilo e cittadinanza.
Nel gruppo il lavoro di comprensione agisce attraverso due assi. Uno trasversale fondato sulla reciprocità: gli scambi comunicativi tra i vari membri. L’altro verticale relativo alla posizione a-simmetrica dell’analista (S. Erba 1995). Prima di ogni fantasia e insieme a questa l’analista è una sorta di “legislatore” e “progenitore”. Incontra i singoli in uno o più colloqui preliminari, propone il dispositivo gruppale, presenta le regole del setting. Si farà in seguito testimone di una comunicazione che vuol sospendere ogni giudizio e perseguire la conoscenza attraverso la circolazione del sentire-pensare. Tali direttrici definiscono un campo pluri-personale entro il quale ognuno per l’altro incarna il distanziamento della consapevolezza e la presenza emotiva (positiva o negativa). Se il gruppo è capace di generare conoscenze (il gruppo di lavoro di Bion; la funzione gamma di Corrao) ciò non avviene in modo automatico e autonomo. Il ruolo dell’analista è ancora centrale e per gli investimenti illusori che attrae e per imitazione del suo modo di stare nel gruppo.
Eppure ci sono dei resti non addomesticati dai concetti analitici. Nel perseguire astinenza e neutralità l’analista di gruppo è sovente disarmato verso la non-neutralità dei partecipanti. Non mi riferisco a grossolane violazioni del dispositivo, ma ad una serie di scambi extra-analitici tra i partecipanti: valutazioni, reazioni immediate, esortazioni, consigli ecc. L’analista non interviene in modo pedagogico, altrimenti potrebbe alimentare l’idea che sappia in anticipo come procedere, può sottolineare come si sta avvicinando un problema o un’atmosfera, nulla di più. Non sappiamo in dettaglio quale ruolo giochino tali transazioni nei processi d’apprendimento, possiamo però cogliere in modo vivido come contribuiscano al tono emotivo di un dialogo e all’esperienza di sentirsi capiti o non capiti.
Seduta dopo seduta i nuovi punti di vista incontrano delle strutture collettive e personali: la storia di quel gruppo, le tradizioni individuali, il sedimentarsi delle risposte emotive. Si realizza una tensione tra processi di assimilazione e accomodamento (J. Piaget). La posta in gioco è preziosa: la ricerca di un “vero” che sembra utile e promettente (Bion 1966, 1970), ma tale ricerca incontra ostacoli e miraggi.
G. Bateson (1966, 1971) definiva come apprendimento 3 una modificazione dell’atteggiamento mentale; una flessibilità nel saper meglio utilizzare delle competenze o gestire dei limiti e non l’acquisizione di abilità o conoscenze mai possedute. Quanto sovente accade alle persone dopo una buona esperienza analitica. Lo considerava un lavoro mentale anti-economico e di non facile realizzazione. Le mappe della realtà (interna ed esterna) sono costruite con generalizzazioni soggettive di esperienze e tendono a convalidarsi e consolidarsi per la capacità di rendere comprensibile e semplificata una realtà multiforme: gli “apprendimenti 2” di cui un tipico esempio è il transfert. Bion (1962 pagg. 132/133) scriveva: “la personalità astrae dall’esperienza tutti gli elementi giudicati ricorrenti e forma da questi un modello il quale pur conservando qualcosa dell’esperienza originaria è abbastanza flessibile da potersi adattare ad esperienze nuove e tuttavia ritenute analoghe alle prime”. Diviene un problema la personalità che ha perduto flessibilità nel confronto con inaspettate esigenze vitali, ovvero sia stata poco capace di organizzare le esperienze pregresse.
Trasformare, per quanto possibile, la prospettiva con cui pensiamo-sentiamo noi stessi, e gli altri, cioè la vita, espone al dilemma desiderio-paura. “Saper fare” e “sapere” non sono proprietà immateriali, come molti pensano prima di un’esperienza analitica, bensì funzioni e disposizioni della persona.


BIBLIOGRAFIA


Anolli L. & Legrenzi P. (2006) Psicologia generale ed. Il Mulino, Bologna 2006
Bateson G. (1966, 1971) Le categorie logiche dell’apprendimento e della comunicazione
                               trad. ital. in Verso un’ecologia della mente (1972) ed. Adelphi, Milano
                               1989 9° ediz.
Bion W. R.   (1961) Esperienze nei gruppi trad. ital.  ed. Armando, Roma 1980 4° rist.
                    (1962) Apprendere dall’esperienza trad. ital.  ed. Armando, Roma 1994 5° rist.
                    (1966) Il cambiamento catastrofico trad. ital. ed. Loescher, Torino 1981
                    (1970) Attenzione e interpretazione trad. ital.  ed. Armando, Roma 1996 4°rist.
Corrao F.     (1981c) Struttura poliadica e funzione gamma in “Orme” vol.2 ed. R. Cortina,
                                  Milano 1998
                    (1995b) Ti Koinon: per una metateoria generale del gruppo a funzione
                                  analitica in ibid.
Erba S.        (1995)  Domanda e Risposta Il Ruolo Terapeutico edit. Milano 1995
Kaes R.       (1993) Il gruppo e il soggetto del gruppo trad. ital.  ed Borla, Roma 1994
Johnson-Laird N. P. (1993) La mente e il computer trad. ital.  ed. Il Mulino, Bologna 1997

---------------------------------------------------------------------------------------------------------VISITA IL SITO

www.guglielmocampione.it